Pikenoi al Senato della Repubblica Italiana

Registrazione video del dibattito dal titolo Presentazione del libro di Giacomo Recchioni “Pikenoi. Antichità italiche della collezione ‘Vallorani’, registrato a Roma mercoledì 16 ottobre 2019 alle 17:50.

Sono intervenuti: Paola Severini Melograni (giornalista e conduttrice radiofonica), Giacomo Recchioni (antropolo e curatore), Lorenzo Rossi (assessore alla Promozione  e allo Sviluppo del Comune di Grottammare), Oronzo Mauro (docente presso la 24Ore Business School), Francesco Verducci (senatore).

https://www.radioradicale.it/scheda/587480/presentazione-del-libro-di-giacomo-recchioni-pikenoi-antichita-italiche-della

Programma Eventi Estate 2019

L’estate di Pikenoi è ricca di interessanti eventi extra con i quali coniugare lo studio dell’antico popolo Piceno con qualche elemento caro alla cultura di oggi.

Il mese di giugno è ancora il momento ideale, prima del trambusto del cuore dell’estate, per poter godere delle visite guidate curate dall’antropologo Giacomo Recchioni il quale, attraverso le nove teche tematiche del museo potrà facilmente immergervi nel  pieno della cultura Picena. Sul finire del mese, è previsto un evento molto interessante legato alla storia dell’arancio biondo piceno grazie ad importanti contributi.

Nel mese di luglio, Pikenoi alza il sipario su tre temi fondamentali: il legame del museo con la cultura digitale, la dieta mediterranea di oggi e di ieri ed infine un focus sulla Sibilla Picena. I temi trattati sembrano laterali, ma come vedremo, si tratta di momenti di riflessione molto interessanti.

Nel mese di agosto, gli autori degli eventi calcano sempre più la mano per immergervi completamente nell’estate picena, impostando riflessioni sulla società dionisica, sul culto della dea Kupra, sulla bellezza della ricerca archeologica di Belmonte ed infine sul rapporto tra terra e mare.  Si tratta anche in questo mese di un panorama di eventi molto interessanti e disegnati per formare mentre si intrattiene.

Il mese di settembre, oltre che alle visite guidate per enti, organizzazioni e gruppi, sarà focalizzato sulla formazione e sul supporto alle scuole del territorio perché si diffonda sempre più una cultura museale moderna ed pedagogicamente rilevante (programma in corso di definizione).

Restano sempre attive le visite guidate del week end dalle ore 10.00 alle ore 12.30 e dalle 15.00 alle ore 17.00 e le possibilità extra, ogni riferimento alla pagina https://www.pikenoi.it/orari-aperture/.

GIUGNO

29  “L’Arancio Biondo del Piceno. Prospettive di valorizzazione a cura dell’Associazione Culturale  Melarancia e Slow Food Marche ()

LUGLIO

3 “Pikenoi, un digital museum” a cura dell’Ing. Oronzo Mauro, docente presso la 24Ore Business School

20 “La dieta mediterranea nel Piceno. Una Storia che ci appartiene”  interverranno Paolo Foglini, medico nutrizionista – Direttore del Centro Antidiabetico di Fermo, Lando Siliquini, medico – scrittore, Adolfo Leoni, giornalista – scrittore

27 “Alla ricerca della Sibilla Picena” a cura di Americo Marconi, medico – scrittore

AGOSTO

3 “Dal simposio alla cantina” momenti di socialità dionisiaca nel Piceno a cura di Walter Scotucci, medico – critico d’arte e Gianni Brandozzi, Associazione Giovane Europa

10 “Kupra. Il sacro oltre la vita” breve approfondimento sulla divinità confederale del popolo Piceno e visita guidata con il curatore della mostra Giacomo Recchioni, antropologo

17 “I Piceni di Belmonte. Un ritrovamento sensazionale” interverranno il Sindaco Ivano Bascioni e l’archeologa Benedetta Ficcadenti

24 “L’aratro e la barca”, conversazione sulle antiche tradizioni marinare e contadine dell’Italia Centro-Adriatica a cura dell’antropologo Mario Polia

Tutti gli eventi iniziano alle  ore 21.15

programma-generale-estate-pikenoi

Immagine 1 di 9

 

Museo Archeologico Nazionale delle Marche, incontro con la direttrice Frapiccini

Al Museo Archeologico Nazionale delle Marche con la Direttrice Nicoletta Frapiccini ed altri illustri amici, il prof. Paolo Clini, l’Ing. Oronzo Mauro  ed l’antropologo Giacomo Recchioni, è facile perdersi deliziosamente tra le tante storie che l’illustre archeologa e direttrice sa animare mettendo insieme reperti archeologici, didattica museale, editoria e perché no uno sguardo dalle finestre dello storico Palazzo Ferretti a rimirare, oltre il porto dorico, il Mare Adriatico. 

Una delle tante storie, fatte di oltre 20 anni di studi e riflessioni sulla civiltà Picena, è anche Pikenoi!

Le rete delle esperti sui Piceni diventa sempre più coesa e decisa per saper narrare la Civiltà dei Piceni in modo sempre più autorevole. Grazie Nicoletta Frapiccini!

Inaugurazione Pikenoi

 

 

Inaugurazione della mostra

“PIKENOI – Antichità Italiche della Collezione Vallorani”

ore 18.00, Palazzo Vallorani, Grottammare

 

Programma ed Interventi:

  • Saluto delle Autorità

  • Introduzione del Sindaco e Assessore alla Cultura del Comune di Grottammare

  • Intervento del Senatore Francesco Verducci

  • Presentazione dell’antropologo Giacomo Recchioni, curatore della mostra e del volume Pikenoi

  • Visita Guidata alla mostra

  • Buffet

 

Evento pubblicato su Event Brite

https://www.eventbrite.it/manage/events/61432405980/details

 

Come raggiungere la sede del museo

Palazzo Vallorani
Via Fratelli Rosselli, 115
63033 Grottammare (AP)

  https://www.pikenoi.it
info@pikenoi.it
https://www.facebook.com/pikenoi

Direttore Scientifico e Curatore:
Antropolo Giacomo Recchioni
giacomo.recchioni@pikenoi.it
+39 366 2307200

Pikenoi. La collezione di arte Italica Vallorani. Il perchè di una mostra

 

Perché una mostra sui Piceni? Sono passati circa cinquant’anni da quando la comunità scientifica ha definito questa cultura dell’Italia preromana un fantasma che si aggirava nella fascia medio-Adriatica. Oggi dopo che mostre di elevata caratura come quelle di Roma, Francoforte, Matelica, Numana e in ultimo Belmonte Piceno hanno ridato una dimensione internazionale, l’Associazione Culturale Vidacilius grazie al patrocinio del Comune di Grottammare ha deciso di inaugurare una mostra proprio in quel territorio definito “La perla dell’Adriatico”.  Nuovi scavi e recenti acquisizioni, inoltre, hanno messo in luce una nuova consapevolezza su di un misterioso passato che spesso riemerge, destando curiosità e fascino. Su questo filone l’Associazione Culturale Vidacilius -presieduta dal collezionista Agostino Vallorani – vuole promuovere, divulgare e mostrare, a un pubblico di studiosi e non, i più enigmatici oggetti appartenuti a questo ethnos dell’Italia antica, vissuto più duemila anni fa e spesso dimenticato nelle pagine dei libri di storia.

Una mostra e un volume, meticolosamente curati dall’antropologo Giacomo Recchioni, sono stati lo strumento con il quale, in armonia tra il pubblico e il privato, si è scelto di veicolare gli echi emanati da questa arcaica Civiltà. Musealizzazione, catalogazione, divulgazione scientifica e digitalizzazione, frutto del collezionismo di Vallorani e del lavoro svolto da Recchioni, saranno a disposizione del pubblico a partire dal 18 Maggio 2019, data di inaugurazione, per poi proseguire fino al 31 Ottobre 2019. Il volume, redatto dal curatore della mostra ed edito da Livi Editore è stato introdotto da Vittorio Sgarbi il quale fa menzione dell’importanza di questa remota Civiltà che magicamente rievoca allo stesso tempo un Adriatico crocevia di culture e “un’ansia di Grecia”. Un passato e un presente, celato dall’Atleta del Lisippo e oggi reso noto grazie alla mostra “Pikenoi. La collezione di arte Italica Vallorani”.

Pikenoi infatti fu l’etnonimo con il quale nel II sec. a.C. il geografo e storico Polibio nel libro II (21, 7) chiamò quell’antico popolo preromano stanziato tra la dorsale appenninica, il mare Adriatico e principalmente nelle attuali regioni di Marche e Abruzzo. Anche nell’antica enciclopedia del Σουίδα, considerata la spina dorsale degli studi sull’universo dei classici greci, tale termine stava ad indicare questo ethnos dell’Italia medio-Adriatica. Con questo titolo quindi, Recchioni e Vallorani, hanno voluto riecheggiare il modo con cui i Greci chiamarono i Piceni, con il fine di poter guardare un domani questo angolo di Storia con “altri occhi”.

G. Recchioni – curatore di Pikenoi