Palazzo Vallorani

La Sede di Pikenoi è lo storico Palazzo Vallorani (già Recco almeno dal 1813, Laureati, De Nardis). 

Gli studi effettuati presso il catasto gregoriano di Grottammare (al tempo Grottamare,  presso la Delegazione di Fermo), nelle particelle 995 (attuale Palazzo) e 994 (Agrumeto) vedono nel sacerdote Recco Giacomo  il proprietario dei beni. Il sacerdote appartenne alla nobile famiglia Recco di Ripatransone che aveva dato alla chiesa il vescovo Luca Antonio Recco, in carica tra il 29 maggio 1747 e il 25 gennaio 1765.

Il Sacerdote Giacomo Recco a seguito dell’avvicendarsi del Regno d’Italia corse gravi rischi di essere trucidato e si salvò grazie all’intervento del vescovo Bartolomeo Bacher.

Catasto Gregoriano Grottammare Brogliardo-particelle 991 998

Catasto Gregoriano, 1813 – Centro Storico
Catasto Gregoriano, 1813, Particelle 995
Catasto Gregoriano, 1813, particelle da 991 a 998

A seguito delle difficoltà del Sacerdote Giacomo Recco, il Palazzo passò per poco tempo nelle mani di Giuseppe Maria Bruni fu Lorenzo, cittadino di Ripatransone. Nel 1816, Gioacchino Laureati acquistò i beni delle suddette particelle (Palazzo e Agrumeti), innescando un percorso di passaggi all’interno della famiglia, fino a quanto sul finire del 2000 il Palazzo ed il giardino vennero acquistati dalla famiglia Vallorani.

Nel corso degli ultimi secoli, la casa non sembra aver avuto modifiche architettoniche.  Gli interni del Palazzo, in pieno stile ottocentesco, sono stati riallestiti dall’attuale proprietario nel corso degli ultimi 20 anni.

Il collezionista ed antiquario Agostino Vallorani ha ricreato nel Palazzo eleganti ambienti allineati allo stile e alla storia del palazzo stesso.

 

Bibliografia e contenuti di:

Alberto Silvestro, Carminio Spinucci, Oronzo Mauro